Keylogger

Keylogger

Che cos’è un keylogger?

Con il termine anglosassone “key logger”, formato dal sostantivo “key” (tasto) e dal verbo “to log” (registrare su un diario), si fa riferimento a un “registratore di tasti”.

Il keylogger è uno strumento informatico tecnologico che permette di intercettare tutto ciò che viene digitato sulla tastiera di un computer, anche se si trova in remoto.

Il key-logger è quindi uno strumento di sniffing usato per le intercettazioni di tipo informatico e può essere di due tipi: hardware e software.

I keylogger nascono inizialmente come metodi e dispositivi per scopi leciti (come il recuperare password, nomi di user ID, testi non salvati, ecc.) ma con la grande diffusione e importanza dei computer, nella vita privata e lavorativa, sono diventati sistemi usati spesso danneggiare irrimediabilmente la nostra privacy e in modo illegittimo.

Le tipologie di keylogger

Il keylogger di tipo hardware, solitamente, è micro dispositivo elettronico a cavetto, dall’aspetto simile a una prolunga, da collegarsi tra il cavo della tastiera e il pc, che riesce a catturare e memorizzare in un file di testo tutte le password e qualsiasi altro dato, come ad esempio gli indirizzi web, digitati sulla tastiera.

Il keylogger di tipo software, invece è un programma spia o “sniffer” (annusatore) installato sul computer e in grado di tracciare e memorizzare in un file di log, nascosto all’utente, le attività svolte con il pc, catturando ad esempio le schermate video, i messaggi di posta elettronica, i numeri della carta di credito e così via. Spesso i software tipo key logger vengono installati, all’insaputa dell’utente, tramite worm o trojan ricevuti attraverso l’Internet e che rimangono in esecuzione sul PC proprio per captare tutte le digitazioni ( password, dati sensibili, numeri di carte di credito,identità ecc.) che avvengono su tastiera, registrarle e poi inviarle a un computer remoto spia, pronte per essere, in un secondo tempo, decodificate e usate.

Come funziona un keylogger?

L’efficacia di un keylogger hardware è data dal fatto che sono dispositivi completamente indipendenti dal sistema operativo del pc (che non si accorge quindi della loro presenza e installazione), e che sono in grado di captare e registrare anche le password del bootstrap di sistema, memorizzando i tasti premuti sulla tastiera e trasmettendoli anche in remoto tramite rete wireless.

I più moderni keylogger software sono in grado di sovrapporsi tra il browser e il web, catturando le frasi, i dati digitati non solo tramite tastiera, ma anche tramite mouse o microfono. Le informazioni digitate, infatti, sono catturate indipendentemente dal tipo di periferica di input degli stessi (oltre alla digitazione di tasti possono registrare gli spostamenti di un mouse, ecc.) e possono agire anche quando si è offline e sconnessi da internet.

Come difendersi dall’intercettazione informatica

I dispositivi keylogger, sia hardware che software, con l’evolversi della tecnologia e la diffusione pervasiva del computer in ogni ambiente privato o industriale, rappresentano una minaccia di intercettazione informatica molto seria, anche per la facilità con cui si possono trovare e acquistare via internet e a prezzi contenuti.

Per difendersi dalle intercettazioni dei keylogger ci si può premunire installando sul proprio pc un sistema di difesa di tipo “firewall” (termine inglese che significa “parete refrattaria” o “muro ignifugo”) in grado di intercettare e bloccare la connessione del processo intrusivo di keylogger incriminato.

Ma per non farsi monitorare da keylogger più complessi e all’avanguardia, è consigliabile rivolgersi a ditte specializzate in servizi di bonifica informatica, come Axerta Technology.

Se hai il sospetto di essere controllato e vuoi avere la certezza della privacy e riservatezza del tuo computer, per essere certo di operare con un sistema sicuro, contattaci e richiedi per un intervento di verifica ed eventuale rimozione di qualsiasi tipo di microspia informatica.